Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1344. La sovranezza

 

Regazzi, io ggià da jjeri ve l’ho ddetto:
ve l’ho avvisato puro1 stammatina:
ve l’aripeto : zzitti, per dina:
li sovrani portateje rispetto.

 

Fijji, abbadat’a vvoi, c’ortre ar proscetto2
de Santa Cchiesa e a la Lègge divina,
c’è er guaio de la Santa quajjottina,3
si4 è ppoco la galerra e ’r cavalletto.

 

Je casca a un omo una corona in testa?
Ecchelo5 in faccia a li veri cristiani
diventato er ziggnore de la festa.

 

Perché, ccome li soggni de la notte
immaggine6 der giorno, li sovrani
immaggine de Ddio guaste e ccorrotte.

 

31 ottobre 1834

 




1 Pure.

2 Precetto.

3 Ghigliottina.

4 Se.

5 Eccolo.

6 Sono immagini.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License