Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1345. La pratica de Pietro

 

Pietro, lassela stà:1 Ppietro, che ffai!
bbada, nun disprezzà li mi’ conzijji:
penza ch’è mmaritata, e cche ttu pijji
n’amiscizzia pe tté ppiena de guai.

 

Tu ttaccechi accusí pperché nnun zai
doppo tanti tremori e annisconnijji2
che ggran pena sia quella d’avé ffijji
e nnun potelli chiamà ffijji mai.

 

Tu nnun conoschi, Pietro mio, l’affanno
dell’èsse padre e dder vedé ccarezze
che sse le gode un antro3 per inganno.

 

Tu nnun capischi, , ccome se4 langue
ner dové ssopportà le tirannezze
fatte sull’occhi propî ar propio sangue.

 

2 novembre 1834

 




1 Lasciala stare.

2 Nascondigli, per «sotterfugi».

3 Altro.

4 Si.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License