Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1346. L’impinitente

 

Confessamme! e de che? per che ppeccato?
perché ho spidito all’infernaccio un Conte?
perché ho vvorzuto scancellà1 l’impronte
de l’onor de mi’ fijja svergoggnato?

 

Bbe’, una vorta che mm’hanno condannato
nun je restantro che pportamme a Pponte.2
È mmejjo de morí ddecapitato,
che avé la testa co una macchia in fronte.

 

Ma ssi3 ddoppo er morì cc’è un antro monno,
, sti ggiudisci infami e sto governo
nun dormiranno ppiù ttranquillo un zonno;

 

perché oggni notte che jje lassi Iddio
je verrò avanti co la testa in mano
a cchiedeje raggion der zangue mio.

 

10 novembre 1834

 




1 Ho voluto cancellare.

2 Ponte S. Angiolo, stato fino a questi ultimi tempi uno de’ luoghi di esecuzioni capitali.

3 Se.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License