Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1348. L’amico de Papa Grigorio

 

Che ddorme! dorme un cazzo.1 Er Papa è svejjo
e pporta la bbattuta der zorfeggio,
e in cento mila Papa io ve lo sscejjo2
per piú Ppapa gajjardo3 in ner conteggio.

 

Lo so, vvoi me direte, sor Cornejjo:4
perché ddunque lui gode er privileggio
de ttutte le cose pe la mejjo,
e ttutto quanto jariessce in peggio?

 

Nun ce mmica l’àrgibbra5 a rribbatte6
scerte difficortà cche mme se facci.7
Queste le sanno puro8 le sciavatte.9

 

Ecco er perché: un Pontescife, fijjolo,
nassce com’e nnoi poveri cazzacci
co dducojjoni e cco un ciarvello solo.

 

16 novembre 1834

 




1 Non dorme affatto.

2 Scelgo.

3 Pel Papa più gagliardo.

4 Cornelio.

5 Algebra.

6 Ribattere.

7 Mi si faccia.

8 Pure.

9 Ciabatte.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License