Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1349. Le risate der Papa

 

Er Papa ride? Male, amico! È sseggno
c’a mmomenti er zupopolo ha da piaggne.1


Le risatine de sto bbon padreggno
pe nnoi fijjastri2 ssempre compaggne.

 

Ste facciacce che pporteno er trireggno
s’assomijjeno tutte a le castaggne:
bbelle de fora, eppoi, pe ddio de leggno,
muffe de drento e ppiene de magaggne.

 

Er Papa ghiggna? Sce gguai per aria:
tanto ppiú ccher zuride3 de sti tempi
nun me pare una cosa nescessaria.

 

Fijji mii cari, state bbene attenti.
Sovrani in alegria bbrutti esempi.
Chi rride cosa fa? Mmostra li denti.

 

17 novembre 1834

 




1 Piangere.

2 Il nostro romanesco ha ragione. Noi difatti siam figli di Gesù Cristo e della Chiesa sua sposa, la quale, morto il primo marito, è tornata a tante altre nozze, e non cessa malgrado della sua decrepitezza.

3 Il suo ridere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License