Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1351. Er pranzo der Vicario

 

Nun è er primo Vicarioer ziconno
che dde viggijj’e ttempora se sbajja,
e cconfonne er merluzzo co la quajja,
l’arenga e ’r porco, la vitella e ’r tonno.

 

Fijjo, li Cardinali de sto monno,
e ttantantra conzimile canajja,
tiengheno la cusscenza fatta a mmajja
da potella stirà ccome che vvonno.

 

E cquesti cquelluteri1 de vento
che ss’ha d’accompaggnalli co le torce
come fussino un antro2 Sagramento!

 

Capàsci a un poveromo che cce storce3
de fasselo4 in tavola ar momento
cuscinato in guazzetto, o in agr’e ddorce.

 

17 novembre 1834

 




1 Otri.

2 Altro.

3 Ci storce: ripugna.

4 Di farselo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License