Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1353. Er tribbunal de Rota

 

Liticà a Rroma io?! Fussi ammattito.
A mmé la Sagra Rota nun me frega.1


Me se2 maggnino puro3 la bbottega,
io nun fo ccausa un cazzo:4 ecco finito.

 

Sai quanto stai ppiú mmejjo a bbon partito
davanti a un tribbunale che tte lega?
Ché ssi ar meno ggiustizzia te se nega,
te tiengheno5 un parlà cc’abbi capito.

 

Ma in Rota! in primi6 parleno latino,
poi ’ggni tanto te stampeno un degreto,
che un giorno disce pane e un antro7 vino.

 

Quanno infine sei spinto ar priscipizzio,
c’è cquer porco puttano de segreto,
che nnun zai manco chi tte fa er zervizzio.

 

19 novembre 1834

 




1 Non mi corbella.

2 Mi si.

3 Pure.

4 Questo cazzo ci sta per ripieno.

5 Ti tengono.

6 In primis.

7 Altro.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License