Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1354. Titta a Ttitta1

 

Senti, mi’ nome.2 Fin da quanno io ero
tant’arto,3 me disceva Mamma mia:
«Fijjo, in gnisun incontro che sse sia4
nun mmai nero ar bianco e bbianco ar nero.

 

Pe cqualunque vernisce je se dia,
quello ch’è ffarzo nun diventa vero.
Co li padroni tui vacce sincero,
e nun cche tte trovino in buscía».5

 

La santa Verità ssai quante pene
m’ha sparaggnate ar monno? Un priscipizzio.6
L’ho ssempre detta e mme ne trovo bbene.

 

Quest’è ddunque er gran punto ch’io te prèdico,
pe ssarvà onore e ppane in ner zervizzio.
Tu ppisscia chiaro e ffa’ le fiche ar medico.7

 

25 novembre 1834

 




1 Giambattista.

2 Così dicesi a chi porta il proprio nome.

3 Tant’alto, e così dicendo si fa un segno colla mano distesa a qualche altezza dalla terra.

4 Si sia.

5 Bugia.

6 Una infinità.

7 Proverbio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License