Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1356. [Un zentimento mio:] Risposta

 

Nun dite male d’Eva, perché Eva
fesce da mojje ar primo padrAdamo:
e nnoi, quanti in ner monno sce ne stamo1


nun nasscemio2 si3 llei nu lo voleva.

 

È stata sporca? Ebbè? cquesto nun leva
che nnoi l’ariverimo e arispettamo;
e ccome tutte fronne de quer ramo
ricasca sopr’a nnoi quanto fasceva.

 

Io poi dico c’ha ttorto chi l’accusa;
e mme credo4 ch’Iddio javerà ddato
la pulizzia come l’asscenza5 infusa.

 

E cquann’anche accusì nnun fussi stato,
so cche la pulizzia c’adesso s’usa
è vvenuta pe ccausa der peccato.

 

25 novembre 1834

 




1 Ce ne stiamo.

2 Non nascevamo.

3 Se.

4 Mi credo.

5 La scienza.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License