Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1357. La mi’ regazza

 

Te l’acconcedo:1 me fa un po’ ammattí:
è un tantino furastica, lo so:
e ’ggniquarvorta jaddimanno un ,2
lei me s’inciuffa3 e mme in faccia un no.

 

Co ttutto questo, lassete4 serví:
fajje puro risponne5 quer che vvò.
Ma a ppedibus,6 per dio, scià7 da vení;
e a la longa annà, mma jje la fo.

 

A bbon conto jerzera ggià cce fu
un pass’avanti; e ffidete8 de
che ggià bbatte la strada pe l’ingiú.

 

Bbasta, pijjamo un po’ cquer che mme :
ccontentamose9 de quer che vviè;
e pper restante Iddio provederà.

 

26 novembre 1834

 




1 Concedo.

2 Sì.

3 Mi s’intorbida.

4 Lasciati.

5 Falle pure rispondere.

6 Ad pedes.

7 Ci ha.

8 Fidati.

9 Contentiamoci.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License