Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1359. Lo stufarello1

 

Sto a spasso,2 grazziaddio sto a spasso, Checco.
E inzin’a ttanto c’averò er tigame3
de bbobba4 dar convento de le Dame
de Tor-de-Specchi, ho vvinto un terno a ssecco.5

 

Che sserve? A la fatica io nun ciazzecco:6
quasi è ppiú mmejjo de morí de fame.
E cquer ttutto l’anno er faleggname
nun è vvita pe mmé: ppropio me secco.

 

stato mozzo, sempriscista, coco...
Ar fin de conti7 [poi] me ddisciso
de capí cche un ber gioco dura poco.

 

Uhm, quer zempre reggina è un brutto ingergo:
e nnemmanco annerebbe8 in paradiso
pe nnun cantà in eterno er Tantummergo.

 

29 novembre 1834

 




1 Stufarello è «colui che presto si annoia di tutto».

2 Sono disoccupato.

3 Tegame.

4 Minestra.

5 Terno, ad aumento del cui premio siasi mandata tutta quella parte di posta che importava la vincita dell’ambo, che resta nullo alla vittoria.

6 Non ci azzecco: non ci sono adatto.

7 Alla fine.

8 Andrei.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License