Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1361. L’annata magra

 

Ce lamentamo tanto eh, ggente mia,
perché stanno nun c’è vvinoggrano?
E avemo core d’accusà er Zovrano
che nun pprovibbì la caristia?

 

Acquietateve llà, pporchi bbú e vvia.
cquesti li discorzi der cristiano?
Se lo merita er popolo romano
d’avé la grasscia1 ar forno e all’ostaria?

 

Cqua ffurti, cqua rresie, congiure e ssette;
cqua ggioco, cqua pputtane, ozzio e bbiastime,2
cqua inzurti, tradimenti, arme e vvennette!...

 

Si3 nnun c’è un vago d’ua,4 si nnun c’è spiga
de grano, nun è er Papa che cciopprime:5
è la mano de Ddio che cce gastiga.

 

30 novembre 1834

 




1 Grascia per «abondanza».

2 Bestemmie.

3 Se.

4 Uva.

5 Ci opprime.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License