Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1362. La carità

 

Ma cche, oggi sei sceco?1 Sì, ssì, cquello:
quer vecchio stroppio2 e ccor un occhio pisto
che ccià3 steso la mano: nu l’hai visto?
Presto, vàjje a pportà sto quadrinello.

 

Fijjo mio, quanno incontri un poverello
fatte conto4 de véde5 Ggesucristo;
e cquanno un omo disce ho ffame, tristo
chi nun je bbutta un tozzo ner cappello.

 

Chi ssa cquer vecchio, co li scenci sui,
che un anno addietro nun avessi6 modo
la carità de poté ffalla7 lui?

 

E nnoi, che ggrazziaddio oggi maggnamo,
maggneremo domani? Eccolo er nodo.
Tutti l’ommini ffijji d’Adamo.

 

30 novembre 1834

 




1 Cieco.

2 Storpio.

3 Ci ha.

4 Fatti conto: fa’ conto.

5 Di vedere.

6 Non avesse.

7 Di poter farla.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License