Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1369. Er zartore

 

Ricco un zartore ?! Stateve quieti.
A sti tempacci che o nun c’è llavore,
o nnun ze1 paga, chi ffa starte more
de la morte che ttocca a li poeti.

 

Quanno che li Padriarchi e li Profeti
se(1) squarciaveno addosso er giustacore,
quello cchera er tempo c’un zartore
se(1) poteva arricchì ccome li preti.

 

Poi, bbast’a vvede2 l’accommida-panni
si cche ffrega in ner ghetto de la Rua3
n’è ssaputa restà ddoppo tant’anni.

 

Lo so, lloro averanno arippezzato:
ma, arittoppa arittoppa un mese o ddua,
finarmente er zartore era chiamato.

 

4 dicembre 1834

 




1 Si.

2 A vedere.

3 Sulla principal porta del recinto degli Ebrei di Roma è scritto: Ghetto della Rua. Quasi tutti que’ meschini vivono con racconciar panni vecchi, e van gridando per la città: Chi accomoda panni?

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License