Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1370. Er beccamorto de casa

 

Lo sai chi è cquello che jj’ho ddetto addio
e mm’ha arisposto senza comprimenti?
Quell’è un marchese, un aventore mio:
inzomma, è un antro1 de li mi’ crïenti.

 

Eh! ssemo amichi antichi assai, perch’io
j’ho ssotterrati tutti li parenti;
e llurtimo l’antranno è stato un zio
che llarricchí mmorenno d’accidenti.

 

Sappi ch’è un gran bravissimo siggnore
che ppaga li mortorî da sovrano,
come faranno a llui quanno che mmore.

 

Pe cquesto io spero che nun zii2 lontano,
co l’ajjuto de Ddio, d’avé l’onore
de seppellillo io co le mi’ mano.

 

5 dicembre 1834

 




1 Altro.

2 Non sia.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License