Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1371. Li fiottoni

 

Tutti a sto Monno ppieni de vojje,
e ggnisuno è ccontento der zustato.
Er marito se laggna d’avé mmojje
e lo scapolo invidia er maritato.

 

Quer ch’è llegato se1 vorebbe ssciojje;2
quer ch’è ssciorto vorebbèsse legato;
e oggnuno v’aricconta le su’ dojje
che nun ciànno3ccorpa4ppeccato.

 

La mi’ padrona e la mi’ padroncina,
ponno appunto serví ppe mmette5 fora
la mostra de sta bbella palazzina.6

 

La madre, semprigrazzia,7 a ttutte l’ora
smania d’èsse chiamata siggnorina:
la fijja poi de diventà ssiggnora.

 

6 dicembre 1834

 




1 Si.

2 Sciogliere.

3 Non ci hanno.

4 Colpa.

5 Per mettere.

6 La casa de’ matti.

7 Exempli gratia.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License