Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1374. Le sueffazzione

 

Io me 1 avvezzo a ttutto in vita mia,
fora c’a cquella porca de piggione.
Pe cquanto abbino fatto, Annamaria,
nun ciò2 ppotuto mai pijjà ppassione.

 

A stusanza che cqui, nnun zo cche ssia,
addrittura nun ciò indisposizzione.
Propio me sa ddantipaticheria:
propio nun me sce sento vocazzione.

 

Pe ’n esempio, li frati a ppoc’a ppoco
s’avvezzeranno tutti ar rifettorio,
ar zuscidume,3 a la pigrizzia, ar gioco.

 

Cottuttosciò,4 mme ggiura un Cappuccino
che nun fanno mai l’ossa a cquer martorio
de sentisse5 svejjà pper matutino.

 

7 dicembre 1834

 




1 Mi sono.

2 Non ci ho.

3 Sucidume.

4 Con tutto ciò.

5 Di sentirsi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License