Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1375. Er fagotto pe l’ebbreo

 

Ecco che cce s’abbusca1 a sserví ddonne,
massimo2 quanno cciucce3 da some.
Lei m’aveva da nnome e ccoggnome
perch’io nun me sciavesse da confonne.4

 

Lei però, ssecca secca, m’arisponne
«Se5 chiama Aronne». , ddico, ma ccome...
E llei da capo m’aripete er nome,
e mme pianta strillanno: «Aronne, Aronne».

 

A sta risposta io me n’aggnede6 in Ghetto,
e ar prim’Aronne che mme fu inzeggnato
je lassai la pilliccia e ’r fazzoletto.

 

Oh ccazzo! ho da capí pper incantesimo?!
Lei m’aveva da ppuro7 er casato
e nnò ssortanto er nome de bbattesimo.8

 

7 dicembre 1834

 




1 Quel che ci si guadagna.

2 Maxime.

3 Sono asine.

4 Non mi avessi da confondere.

5 Si.

6 Me ne andai.

7 Pure.

8 Il nostro popolo non conosce altro nome proprio, che quello che si impone alla fonte battesimale.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License