Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1378. La bbattajja de Ggedeone

 

Li trescento ggiudii de Ggedeone
se n’aggnédeno1 dunque a ffil a ffila
armati inzin’all’occhi d’una pila,
d’una fiaccola drento, e dd’un trombone.

 

Arrivati poi llà, ccome che sfila
la truppa de li bballi a Ttordinone,
girònno2 tante vorte in priscissione,
che de trescento parzeno3 tremila.

 

Quanno tutú, ttutú, lle pile rotte,
torce all’aria, trescento ritornelli,
e li nimmichi ggiú ccom’e rricotte.

 

E mmó ttutti steserciti cojjoni
invesce d’annà in guerra com’e cquelli,
se metteno4 a spregà ttanti cannoni!

 

8 dicembre 1834

 




1 Se ne andarono.

2 Girarono.

3 Parvero.

4 Si mettono.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License