Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1382. Una risuluzzione

 

Er frate zzoccolante Fra Mmodesto,
che li libbri li sa ttutti a mmemoria,
m’ha rriccontato una gran bell’istoria
successa in ner papato de Pio Sesto.

 

Disce lui dunque, e lo sostiè, che cquesto
prima d’annà a ggodé l’eterna groria
vorze1 annà a Vvienna a ggastigà la bboria
d’un re cche ccamminava troppo presto.

 

Arrivò, cce parlò, jje disse tutto;
e, cquann’ebbe finito, er Re ttodesco
disce che jjarispose assciutto assciutto:

 

«Pio Sesto mio, vatte a ffà fotte, e ddamme... »2
Allora er Papa cche cconobbe er fresco3
ritornò cco la coda tra le gamme.

 

10 dicembre 1834

 




1 Volle.

2 Dammi di barba, ecc.

3 Conobbe l’aria che tirava.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License