Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1383. La spiegazzione der Concrave

 

Er Concrave de Roma, Mastro Checco,
tu lo chiami er Pretorio de Pilato.
Senti in che mmaggnèra1 io l’ho spiegato,
e ccojjoneme poi si nun ciazzecco.2

 

A mmé ttutto stimpiccio ingarbujjato
me pare un gioco-lisscio3 secco secco:4
ché cqua ttutto lo studio è ddannà ar lecco,
llà ttutto er giro5 è ddarrivà ar Papato.

 

Ccusíggni Minentissimo è una bboccia,
che ssingeggna cqua e llà, ccor piommo o ssenza,
de metteje6 viscino la capoccia.7

 

Fin che cc’è strada de passà ttrar mucchio
se8 prova de er tiro e cce se penza:
si nnò9 ssazzarda e ssaricorre ar trucchio.

 

10 dicembre 1834

 




1 In qual maniera.

2 Se non ci azzecco.

3 Giuoco da bocce, col suolo battuto e levigato.

4 Semplice semplice.

5 L’intrigo.

6 Di mettergli.

7 Il capo.

8 Si.

9 Se no: altrimenti.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License