Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1388. Una fatica nova

 

Tutta la mi’ passione, Sarvatore,
sarebbe quella de nun mmai ggnente;
e cquanno che sto in ozzio, propiamente
me pare, bbene mio!, d’èsse un Ziggnore.

 

Dumesi fa pperò cquelaccidente
der Cardinale se1 pescò un dottore
che jj’ha ordinato pe le strette ar core
de strufinasse2 er corpo isternamente.

 

Me tocca dunque a mmé mmatina e ssera,
d’esiguijje sta porca de riscetta;
e ecchete,3 compare, in che mmaggnera:4

 

se5 strufina la pelle ar Cardinale,
e jje s’allustra a fforza de scopetta
come se dassi6 er lustro a uno stivale.

 

11 dicembre 1834

 




1 Si.

2 Di strofinarsi.

3 Eccoti.

4 In qual maniera.

5 Si.

6 Si dasse.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License