Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1392. La lista

 

cche ssò ssolo e cche nun c’è er padrone,
vedemo si1 llagresta oggi va mmale.
Ôooh, un grosso ho gguadaggnato sur cappone,
dubbajocchi sull’erbe, uno sur zale.

 

Sei e mmezzo lo scorzo de carbone
c’ho sseggnato de ppiú, cquattro er ciggnale2
mezzo er pepe, uno er riso, uno er limone
che mmavanzò da jjeri, e ttre er caviale.

 

Poi mezzo grosso c’ho ttirato fora
pe spesette minute, e ppiú un bajocco
su la marva3 che sserve a la Siggnora.

 

Mezz’antro grosso4 ttra fformaggio e ffrutti...
Quant’è ? Tre ggiuli in punto. Eh nun ssciocco.
Ma aringrazziamIddio: lo fanno tutti.

 

12 dicembre 1834

 




1 Se.

2 Cinghiale.

3 Malva.

4 Altro.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License