Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1393. L’affarucci de la serva

 

Tiè, Ppippo,1 intanto maggnete2 sto petto
de bbeccaccia in zarmí cch’è ttanta bbona.
E ecco le sarcicce3 e la fettona
de pane casareccio che tt’ho ddetto.

 

A ssei ora viè ppoi per vicoletto,
e sta’ attent’a l’orloggio quanno sona;
ch’io pe ssolito allora la padrona
l’ho ggià bbell’e spojjata e mmess’a lletto.

 

Un quarto doppo io te darò er zegnale,
tirerò er zalissceggne,4 e ttu vvia via
sscivola5 in ner portone e ppe le scale.

 

Come sei ddrento poi, nun er balordo:
va’ dritto dritto in ne la stanzia mia,
perché la padroncina è ggià d’accordo.

 

12 dicembre 1834

 




1 Filippo.

2 Màngiati.

3 Salsicce.

4 Saliscendo.

5 Sdrucciola dentro.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License