Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1394. Don Micchele de la Cantera1

 

Fàmose un po’ a ccapí.2 Cche ddon Micchele
porti sempre in zaccoccia dupistole,
e cche invesce de ttante parole
le spari addosso a cchi jje smove er fele,3

 

quest’è una cosa ppiú cchiara der zole,
e nnun zerve a spregacce4 le cannele:5
com’è ccerto che llui è er piú ffedele6
tra li Re cche nun ameno le scòle.

 

Ma cche ppoi, pe pportà cquer zuporcile
de pelacci a la bbocca e ar barbozzale,
com’adesso è l’usanza de lo stile,

 

s’abbi7 da chiamallo un libberale,
questa è ccaluggna da ggentaccia vile,
ciarle de quelli che jje vonno male.

 

14 dicembre 1834

 




1 Don Michele d’Alcantara.

2 Facciamoci un poco a intendere.

3 Fiele.

4 Sprecarci.

5 Candele.

6 S.M. Fedelissima.

7 S’abbia.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License