Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1396. Li comprimenti

 

Fuss’io, me saperebbe1 tanto duro
de li comprimenti che ssentissimo2
tra er Maggiordomo e llUditor Zantissimo
che gguasi sce daría3 la testa ar muro.

 

«Entri, se servi;4 favorischi puro,5
come sta?... ggrazzie: e llei? obbrigatissimo,
a li commanni sui, servumilissimo,
nun zincommodi, ggià, ccerto, sicuro...».

 

Ciarle de moda: pulizzie de Corte:
smorfie de furbi: sscene de Palazzo:
carezze e amore de chi ssodia a mmorte.

 

Perché cco Ddio, che, o nnero, o ppavonazzo,
o rrosso, o bbianco, j’è ttutt’una sorte,6
sti comprimenti nun ze fanno un cazzo?7

 

19 dicembre 1834

 




1 Mi saprebbe.

2 Sentimmo.

3 Ci darei.

4 Si serva.

5 Favorisca pure.

6 Gli è tutt’uno.

7 Non si fanno affatto?

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License