Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1397. Li sscimmiotti

 

Quanto a sscimmiotti poi, quer rangutano1


che pportò da Turchia2 l’Imbassciatore,
a rriserva der pelo e dder colore
se3 poteva pijjà ppe un omo umano.

 

Aveva li su’ piedi, le su’ mano,4
e ddicheno c’avessi5 puro6 er core;
e ffasceva er facchino e ’r zervitore,
nun ve dico bbuscía,7 come un cristiano.

 

Oh annatela a ccapí! Tra un omo e cquello
guasi guasi a gguardalli in ne l’isterno
nun c’è la diferenza d’un capello.

 

Eppuro8 sce n’è ttanta in ne l’interno!
Per via c’uno sscimmiotto, poverello,
nun ha la libbertà d’annà a l’inferno.

 

20 dicembe 1834

 




1 Orang-Outang.

2 Ogni paese d’infedeli è Turchia.

3 Si.

4 Mani.

5 Che avesse.

6 Pure.

7 Bugia.

8 Eppure.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License