Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1402. Er Curato bbuffo

 

Quer mi’ curato ha sta manía curiosa
che in tutto fficcà la riliggione.
La mette a ppranzo, a ccena, a ccolazzione,
ner camminà, nner ride,1 in oggni cosa.

 

Arriva ar punto sto prete bbuffone,
che cquanno a ccarnovale io sposai Rosa
me disse ch’er cunzumo2 de la sposa
s’aveva da pijjà cco ddivozzione.

 

Io?! Co la furia che mmintese ssciojje3
me je bbuttai addosso a ccorpo morto
senza manco penzà che mmera mojje.

 

Sarebbe er madrimonio un ber4 conforto,
quanno er cacciasse5 quer tantin de vojje
sce diventassi6 un’Orazzione all’Orto!

 

23 dicembre 1834

 




1 Nel ridere.

2 Il consumo.

3 Mi sentii sciogliere.

4 Bel.

5 Il cacciarsi.

6 Ci diventasse.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License