Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

38. Campo vaccino

(Sonetti 4)

 

Mannataro

Guarda, Ghitano mia: eh? ddi’, te piasce?

Ghitano

Che ggrannezza de Ddio! che ffrabbicona

Mannataro

Nun è piú mmejjo de piazza navona?

Ghitano

Antro! E ccome se chiama?

Mannataro

Er Temp’in pasce.1

 

 

 

Senti, Ghitano, t’hai da ccapasce

che, ppe sta robba, cquì nun ze cojjona

Ghitano

Nun fussantro la carcia2

Mannataro

Bbuggiarona!

E li mattoni? Sai quante fornasce!

 

 

Ghitano

E cqua chi cciabbitava, eh sor Grigorio?

Mannataro

Eh! ttanta gente: e tutti ricchi, sai?

Figurete che gguitto arifettorio!3

 

 

Ghitano

Che ppalazzone! nun finissce mai!

Mannataro

Che? Annava a la salita de Marforio

prima ch’er turco nun je dassi guai.

 

24 agosto 1830 - De Peppe er Tosto

 

 




1 Templum Pacis.

2 La calce.

3 Refettorio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License