Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1403. Er gatto girannolone1

 

Nina, che vvorà ddí2 cche stammatina
è or3 de pranzo e nnun ze4 vede er gatto?
E io minchiona j’ho ammannito un piatto
pien de sgarze5 e de schiuma de gallina!

 

Ce saría6 caso che sse(4) fussi fatto
serrà in zuffitta?7 Vòi provacce,8 Nina?
Ggià, la porta sce9 sta ttanta viscina!
se sentiría10 strillà: mmica è ppoi matto.

 

Gni vorta che sta bbestia nun ze trova
me riviè a mmente povero Ghitano11 c’aveva sempre quarche bbòtta nova.

 

Un giorno Rosscio12 nun tornava; e llui
sai cosa disse? «Starà ar Vaticano
a cconzurtà cco li compaggni sui».

 

24 dicembre 1834

 




1 Girandolone, vagabondo.

2 Che vorrà dire?

3 È ora: apocope in uso.

4 Si.

5 Lische.

6 Ci sarebbe.

7 Soffitta.

8 Vuoi provarci.

9 Ci.

10 Si sentirebbe.

11 Gaetano.

12 Rosso: nome ordinario che si a gatti di quel pelame.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License