Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1409. Er dottoretto

 

Nun parlate co mmé dde riliggione
de vertú, de misteri e de peccati,
perch’io sciò1 ppreti in casa, e jj’ho affittati
bbravi letti co bbona locazzione.

 

Dunque è inutile a ddí2 ttante raggione
sur diggiuno, sur Papa e ssu li frati.
Questi ttutti affari terminati
ner Concijjo de trenta3 e ppiú pperzone.

 

Li duinquilini mii mmissionari,
e pprèdicheno in piazza, e in conzeguenza
è cchiaro che nun ponno èsse somari.

 

Dicheno lòro c’a pparlà de fede
sce s’arimette4 sempre de cusscenza.
Cqui nun z’ha da capí5 mma ss’ha da crede.6

 

27 dicembre 1834

 




1 Ci ho: ho.

2 Dire.

3 Di Trento.

4 Ci si rimette.

5 Da capire.

6 Da credere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License