Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1413. Lo scolo1 der 34

 

Oggi trentun discemmre,2 ch’è ffinita
stannata magra de Ggiuseppabbreo,
la siggnora fratesca ggesuita
pe rrenne3 grazzie a Ddio canta er Tedeo.4

 

Dimani poi, si Ccristo je vvita,
ner medemo5 convento fariseo
s’intona un’antra6 antifona,7 aggradita
a lo Spiritossanto Paracreo.8

 

E a cche sserveno poi tanti apparecchi?
er distino oramai pare disciso
c’oggnanno novo è ppeggio de li vecchi.

 

Pòi9 defatti cantà cquanto tu vvòi,10
ché ggià Ddio bbenedetto ha in paradiso
antri11 gatti a ppelà che ssentí nnoi.

 

31 dicembre 1834

 




1 Scolatura: fine.

2 Dicembre.

3 Per rendere.

4 Il Tedeum.

5 Nel medesimo.

6 Altra.

7 L’inno Veni Creator Spiritus.

8 Paracleto.

9 Puoi.

10 Vuoi.

11 Altri.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License