Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1421. Er disinteresse

 

Chiunque spacci che ttutti hanno er dono
de volé mmale ar prossimo, e cch’è rraro
de trovà ggalantommini, è un zomaro,
e ssi1 lo sento io, te lo bbastono.

 

Figurete che jjeri er cappellaro
me dimannò: «Er cappello è ancora bbono?».
Dico: «Sì, pperché ssempre l’aripono».2
Disce: «Bbravo, per dio! L’ho ppropio a ccaro».

 

Poi l’oste disce: «E che vvò ddí? ssei morto?».
Dico: «Er dottore m’ha llevato er vino».
Disce: «Pòzzi3 morí cchi jje ttorto».

 

Un momentino doppo ecchete ggiusto4
er dottore, e mme fa:5 «Ccome stai, Nino?».
Dico: «Bbenone»; e llui: «Quanto sciò6 ggusto!».

 

10 gennaio 1835

 




1 Se.

2 Lo ripongo.

3 Possa.

4 Eccoti appunto.

5 Mi dice.

6 Ci ho.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License