Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1422. Li portroni

 

Caro sor cul-de-piommo,1 io ve la dico
co llibbertà ccristiana: a mmé2 la ggente
c’ha pper estinto3 de nun mmai ggnente
l’ho a ccarte tante4 e nnu la stimo un fico.

 

Dio ne guardi sto vizzio a ttempantico
si5 l’aveva Iddio Padre onnipotente;
er monno nun nassceva un accidente,6
e nnoi nnun staressimo7 in Panico.8

 

A ttutto ha d’arrivà la Providenza!
E ssempre se9 va avanti co lo spero
e cce sarà er Ziggnore che cce penza.

 

Grattapanze futtute! e cche! er Ziggnore
l’hanno pijjato a ccòttimo10 davero?
Lavorate, per dio! Pane e ssudore.

 

11 gennaio 1835

 




1 Cul-di-piombo: uom pigro.

2 A me qui sta per «io».

3 Ha per istinto.

4 L’ho dietro.

5 Se, nel senso di particella dubitativa.

6 Non nasceva affatto.

7 Non staremmo.

8 Contrada di Roma presso la Mole Adriana.

9 Si.

10 Prendere a cottimo, qui vale: «abusarsi di altrui».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License