Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1423. La tariffa nova

 

Quelli che cciànno,1 co sto novo editto2
doppie, luviggi, pezzette, zecchini,
napujjoni e ggijjati, poverini!
pònno ppuro3 d’avé ffatto er fritto.4

 

Nun zera inteso mai c’avé cquadrini
a sto monno che cqua5 ffussi delitto;
e cquesto è er primo banno6 che vva dritto
contro a li grossi e nnò a li piccinini.

 

Co sta bbuggera nova de tariffa,
chi spaccia d’èsse7 ricco com’e jjeri
disce una farzità, spara una miffa.8

 

Figurete Turlonia,9 co ste ladre
combriccole futtute de bbanchieri,
l’accidenti che mmanna10 ar Zanto Padre.

 

11 gennaio 1835

 




1 Ci hanno: hanno.

2 Al giungere di questo nuovo editto: pubblicato il 10 gennaio 1835.

3 Possono dir pure.

4 Di essere rovinati.

5 A questo mondo qua.

6 Bando.

7 Essere.

8 Menzogna.

9 Don Alessandro Torlonia, soprannominato il Salvatorello di Roma in grazia delle usure fatte al Governo nelle urgente del 1831: di che vedi il sonetto...

10 Manda.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License