Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1425. L’arrampichino

 

Gaspero, ssceggne1 ggiú dar credenzone
sceggne, te dico, ssceggne, demoniaccio.
Ma ddavero oggi tu vvòi er bottaccio
a ’ggni patto pe sfràggnete2 er cestone?

 

Gaspero, nun me ppijjà er bastone,
ch’io me sceco e Ddio sa ccosa te faccio.
Sai che cce metto a sfracasatte un braccio?
Quanto a spreme una coccia3 de limone.

 

Ggià mme l’aspetto: tu vvòi er miracolo:
tu ffinischi cor vol de Simommàgo
tu mme vòi vvedé cquarche spettacolo.

 

Cristo mio nazzareno croscifisso!
che ss’abbi da stà ssempre co sto spago4
ner core!... Jeso, che ccapo d’abbisso!

 

15 gennaio 1835

 




1 Scendi.

2 Per infrangerti.

3 Scorza.

4 Con questa paura.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License