Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1428. La fiaccona1

 

Tutacciaccia,2 lavora; e ccento mila!
Fa’ cche tte movi ppiú, ccore mio bbello,
che ttacchiappo3 per ciuffo e tte sfraggello
quer gropponaccio inzin che tte se sfila.

 

Inzomma, un po’ la scusa de la pila
che vva de fora, un po’ cquesto e un po’ cquello,
ggni tantino se4 pianta er filarello,
se(4) spasseggia pe ccasa, e nnun ze(4) fila.

 

Come jjeri: finí un pennecchio solo,
e tutt’er zanto ggiorno a la finestra
a ffà la sciovettaccia sur mazzolo.

 

Che ggran rare bbellezze da mostralle!
Voría5 che tte piovessi6 una canestra
de furmini e ssaette su le spalle.

 

15 gennaio 1835

 




1 Aver la fiaccona: sentir nausea d’ogni fatica.

2 Tuta: Gertrude.

3 Ti afferro.

4 Si.

5 Vorrei.

6 Ti piovesse.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License