Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1429. Vent’ora e un quarto

 

Su, cciocchi, monci,1 mascine da mola:
lesti, ché ggià è ffinita la campana.
Ch’edè?2 Vvamanca una facciata sana?
È ppoco male; la farete a scola.

 

Via, sbrigàmose,3 alò,4 ccher tempo vola;
mommó5 ddiluvia e la scola è llontana.
Nun è vvaganza, no: sta sittimana
don Pio nun cc’una vaganza sola.

 

Dico eh, nun zeminamo6 cartolari:
nun c’incantamo pe le strade: annamo7
sodi, e a scola nun famo8 li somari.

 

Scola santa! e cchi è cche tt’ha inventato!
Quadrini bbenedetti ch’io ve chiamo!
Che rriposo de ddio! che ggran rifiato!9

 

15 gennaio 1835

 




1 Pigri.

2 Che è?

3 Sbrighiamoci.

4 Allons.

5 Or ora.

6 Non seminiamo.

7 Andiamo.

8 Facciamo.

9 Ristoro.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License