Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1439. Li vecchi

 

Ecco cosa ddí1 llèssese2 avvezzi
a ddisprezzà l’età: sse3 va sse(3) svìcola
e vviè la vorta poi che sse(3) pericola
e sse(3) sconteno tutti li disprezzi.

 

Pe nnun volé er bastone oggi er zor Ghezzi
propio a le colonnette de Pubbricola,4
è ccascato e ss’è rrotta una gravicola5
e la nosce der collo in cento pezzi.

 

La coccia6 de li vecchi è una gran coccia.
Vònno a mmodo lòro: e Iddio ne guardi
conzijjalli!7 ve pijjeno in zaccoccia.8

 

Sospettosi, lunatichi, testardi,
pieni de fernesie9 ne la capoccia,10
e spinosi, per dio, ppiú de li cardi.

 

17 gennaio 1835

 




1 Vuol dire.

2 L’essersi.

3 Si.

4 Del Palazzo Publicola.

5 Clavicola.

6 Caparbietà.

7 Consigliarti.

8 Vi pigliano in uggia.

9 Frenesie.

10 Testa.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License