Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1445. Er fistino de la Bbanca Romana1

 

Venite tutti quanti attorn’a mmé
si2 vvolete sentí la novità
der gran fistino in abbito bijjè3
ch’è stato dato da monzú Cciufrà.4

 

Pareva una bbottega de caffè.
C’era tutto lo scol5 de la scittà.
Le foristiere staveno da sé.
Le romane nun vorzeno6 bballà.

 

A mmezzànotte fu vviduta uprí
la porta der zalon dell’ammicú,7
e le donne se fesceno8 serví.

 

Doppo le donne entrorno li monzú:
e cquanno tutto er popolo partí,
disse Sciufrà: «Nnun me sce pijji ppiú».9

 

20 gennaio 1835

 




1 Nella sera di lunedí 19 gennaio 1835.

2 Se.

3 Habillé.

4 Il marchese Jouffroy, presidente della Banca Romana.

5 Scolo.

6 Non vollero.

7 Ambigu.

8 Si fecero.

9 Parve che restasse malcontento del piccolo concorso di nobiltà romana distinta e del minore di cardinali di Santa Chiesa, pel quale ultimo motivo se ne ritrassero anche i prelati che vi erano intervenuti. I piccoli guardano sempre in su.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License