Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1446. L’educanne de San Micchele1

 

V’è ppiasciuta la predica der frate,
ch’è vvenuto oggi a dàcce2 l’esercizzi?
Li sentite che rrazza de ggiudizzi
se3 fanno de nojantre4 disgrazziate?

 

Ggiri, ggiri le case attitolate:5
entri ne li palazzi maggnatizzi,
e llà cconosscerà ccosa vvizzi
de zitelle e de donne maritate.

 

Quela fijja che ppare una Susanna,
guardata da viscino in ne l’onore
è una spesce6 de cammera-locanna.

 

E de qualunque mojje de siggnore
nun ze chiede si sgrinfia:7 se dimanna
de punt’in bianco:8 «Co cchi ffa a l’amore?».

 

20 gennaio 1835

 




1 Le educande, ecc. Le rinchiuse nella casa di correzione.

2 Darci.

3 Si.

4 Noi altre.

5 Titolate.

6 Specie.

7 Non si chiede se amoreggia.

8 Ex abrupto.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License