Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1447. Le cose der Monno

 

Er mormorà d’Iddio, fijji mii bbelli,
è la conzolazzione de li ssciocchi.
Le sorte1 hanno d’annà cco li fraggelli.
Chi è rricco, e cchi sse2 gratta li pidocchi.

 

Er Papa ajjuterà li poverelli:
un antro3 poi je caccerebbe l’occhi.
Er Monno accusí vva: ssò ggiucarelli,
cose de ggnente,4 affare de bbajocchi.

 

Che sserve annà ccontanno a una a una
le furtune dell’antri?(3) pparole.
Ggnisuno5 è ssazzio de la su’ fortuna.

 

Fremma e ttempo, e nun zempre se(2) diggiuna;
e cquanno che la notte nun c’è ssole
contentamose6 allora della luna.

 

20 gennaio 1835

 




1 Sorti.

2 Si.

3 Altro: altri.

4 Niente.

5 Nessuno.

6 Contentiamoci.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License