Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1451. Er discorzo de l’agostiggnano1

 

Chi? Ssanta Filomena?!2 In un paese
che li santi se3 spregheno?! Eh sor Nanno,
diteme un po’, cquanto pagate ar mese
pe ccomparí ccazzaccio tutto l’anno?

 

Si4 a sta Santa novizzia oggi je danno
tant’e ttante incenzate5 pe le cchiese,
io, poveretta, mica la condanno
che sse sii6 messa ssu le protese.7

 

Ma ddico ch’è un penzà da giacubbino
er confrontà ccostei co la Madonna
miracolosa de Sant’Agustino.8

 

Questa c’ha scavarcato e ffa sta in regola
la Madonna der Zasso a la Rotonna,9
nun avé suggizzion d’una pettegola.

 

21 gennaio 1835

 




1 Agostiniano.

2 Vedi il Son...

3 Si.

4 Se.

5 Incensamenti.

6 Che si sia.

7 Pretensioni.

8 Vedi il Son...

9 Vedi il Son…

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License