Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1456. Er colleggio fiacco

 

Fra sti bbroccoli1 er Papa è ccome un fiore
che nun fa pprimavera: è ccome un bracco
fra ssettanta bbuffetti: è ccome un tacco
senza chiodi: è una donna senz’onore.

 

Ha ttempo lui d’avé ccervello e ccore:
nun concrude una pippa de tabbacco.
È inutile: una nosce2 drent’a un zacco
sgrulla3 quanto tu vvòi nun fa rrumore.

 

Certo che Ggesucristo pare stracco
che la cattreda4 sua bbutti sprennore:5
cosa che ppuro a llui j’è dd’un gran smacco.

 

Ma Ddio ne guardi, er Zanto Padre more,
chi ccardinale vòi mette6 pe Ccacco
immezzo7 in ne la Cchiesa der Ziggnore?

 

23 gennaio 1835

 




1 Uomini inetti.

2 Noce.

3 Scuoti.

4 Cattedra.

5 Splendore.

6 Vuoi mettere.

7 Stare come Cacco in mezzo: tenersi in un posto distinto che non conviene.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License