Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1460. Le sciarlette1 de la Commare

 

Dico, diteme un po’, ssora commare,
che sset’ita discenno2 a Mmadalena
che llui3 me pista,4 e nun c’è ppranzo e ccena
che ffinischi tra nnoi senza caggnare?

 

Ebbè? Ssi5 Ustacchio me bbastona, è affare
da pijjavvene6 ttutta sta pena?
Che importa a vvoi? Me mena, nun me mena,
è mmarito e ppò ffà cquer che jje pare.

 

Che vve n’entra in zaccoccia, sora ssciocca,
de li guai nostri? Voi, sora stivala,
impicciateve in quello che vve tocca.

 

Vardela7 llí sta scianca a ccressceccala!8
Lei se tienghi9 la lingua in ne la bbocca,
e ssaricordi er fin de la scecala.10

 

24 gennaio 1835

 




1 Ciarlette.

2 Che siete ita dicendo.

3 Mio marito.

4 Mi pesta.

5 Se.

6 Pigliarvene.

7 Guardala.

8 Questa gamba a cresce-e-cala. Il cresce-e-cala è quel genere di cilindretti di cristallo rintorti a spira, i quali, girati in uno o in altro senso, sembra che si allunghino od accorcino.

9 Si tenga.

10 Cicala.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License