Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1462. ccose che cce vanno

 

Ma nun è ggnente, , ssora Maria,
nun è ggnente davero, nun è ggnente.
Ve pare che ssi ffussi1 mmalatia,
ve calerebbe er latte istessamente?

 

Ma nnò, nnò, nnò, nun v’accorate, via,
fatevanimo, state allegramente:
è la frebbe der pelo,2 fijja mia,
che l’ha d’avé oggni donna partoriente.

 

Ssapete c’antre3 sorte de febbrone
se vedeno4 sparà cquanno ch’er petto,
nun zia mai,5 vvení a ssuperazzione?6

 

Fidateve, sposetta, è ttuttaffetto7
der calo: e cco la vostra cumprisione8
nemmanco serve che cce state9 a lletto.

 

25 gennaio 1835

 




1 Se fosse.

2 La febbre della separazione del latte.

3 Che altre.

4 Si vedono.

5 Non sia mai.

6 Suppurazione.

7 Effetto.

8 Complessione.

9 Ci stiate.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License