Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1464. La curiosità

 

Abbi pascenza,1 je stai troppo appresso
pe ffàllo vommità.2 Vvergoggna, Rosa!
Nun sta bbene èsse3 poi tanta curiosa.
Tu in sto vizziaccio cqui ddai ne l’accesso.4

 

Uh, zzitto, zitto, ch’ecco Nanna. Adesso
la chiamamo e scoprimo quarche ccosa.
Pss, ssenti, Nanna: è vvero che la sposa5
de tu’ fratello lo rizzola6 spesso?

 

Che ssii superba com’un gallo, e bbrutta
quant’un’ira de Ddio, questo è ssicuro:
Rosa però nu la conossce tutta.

 

Dicce7 un po’, ddicce un po’... Ggià ttu lo sai
che pparlanno co nnoi, parli cor muro.
Bbe’? ddunque tra li sposi eh? cce 8 gguai?

 

27 gennaio 1835

 




1 Pazienza.

2 Per farlo parlare e raccontare quello che sa.

3 Essere.

4 Eccesso.

5 Spósa, spósi, coll’o stretta.

6 Lo batte.

7 Dicci.

8 Ci sono.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License