Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1465. Er mistiere indiffiscile1

 

Nun credessivo2 mai ch’er fasse3 prete,
e ddiventà pprelato e annà ppiú avanti,
sii faccenna da poveri iggnoranti
e abbastino le store4 e le pianete.

 

Va’ li Sommi Pontescifi: tra ttanti
san Pietro solo jabbastò la rete.
Tutti l’antri,5 si6 mmai nu lo sapete,
j’e ttoccato èsse7 dotti a ttutti quanti.

 

Io conosco un abbate che ttiè in testa
de finí Ppapa: ebbè, ssu li latini
ce suda nott’e ggiorno e inzin de festa.

 

E mmó studia li su’ Scisceroncini8
pe imparà la ppiú ffàscile ch’è cquesta
de in latino: Alò, ppelle o cquadrini.

 

28 gennaio 1835

 




1 Difficile.

2 Non credeste: non vogliate mai credere.

3 Il farsi.

4 Stole o stuoie sono nella lingua del Romanesco sempre store.

5 Gli altri.

6 Se.

7 Essere.

8 I suoi ciceroncini.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License