Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1466. La vedova affritta1

 

Nun me ne so ddà ppasce,2 ah ppropio .
Quer giorno, Andrea, che l’incontrassi3 tu,
tornò a ccasa la sera, se spojjò,4
aggnéde5 a lletto, e nun z’è arzato ppiú.

 

L’unico mi’ conforto è cche spirò
la matina der Core de Ggesú.
Pe mmé è stata una perdita però
che ffo ppropio miracoli a stà ssú.

 

Un omo ch’era un Cèsere! Vedé
morí un campione6 che a rraggion d’età
cquasi poteva chiude7 l’occhi a mmé!

 

Bbasta, Iddio m’ha vvorzuta8 visità.
Lui se l’è ppreso, e ssaperà pperché.
Sia fatta la su’ santa volontà.

 

28 gennaio 1835

 




1 Afflitta.

2 Dar pace.

3 L’incontrasti.

4 Si spogliò.

5 Andò.

6 Nome che si agli uomini vegeti.

7 Chiudere.

8 Voluta.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License