Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1469. Li fijji cressciuti

 

Questi li vostri fijji?! Guarda, guarda
che ppezzi de demoni! E ppare jjeri
quanno abbitavio1 a le stalle d’Artieri2
c’uno era un’aliscetta, uno una sarda!

 

Ve se ffatti dustangoni veri.
Nun ce mancantro3 cqua, ssora Bennarda,4
che mmuntura, giaccò, schioppo e ccuccarda
pe ddà ar Papa un ber5 par de granattieri.

 

Come scarrozza er tempo! Ggià ddiescianni
passati com’un zoffio! Eh, nnun c’è ccaso,
li piccinini cacceno li granni.

 

Antro(3) cqua cche Ggolía e che Ssanzone!
Ce la scala pe ttoccajje er naso.
Cos’è er Monno! È una gran meditazzione.

 

30 gennaio 1835

 




1 Abitavate.

2 Altieri.

3 Altro.

4 Bernarda.

5 Bel.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License